Resta in contatto

Le Pagelle di CalcioHellas

Il pagellone del girone d’andata: l’attacco

Simeone è una iradiddio, Caprari è un vero fantasista. Ora attendiamo Kalinic e Lasagna

Il 2021 se n’è ormai andato, così come il girone d’andata della Serie A, quindi in casa Hellas è giunto il momento di tirare le somme riguardo a una prima metà di stagione che ha senz’altro regalato più di qualche soddisfazione.

Dopo aver parlato della difesa e del centrocampo, eccovi il Pagellone dell’attacco.

KALINIC: 6,5

Con Tudor sembra un altro giocatore rispetto a quello visto l’anno scorso, come dimostra anche il fatto che nelle prime cinque gare con il tecnico croato ha messo a referto tre gol, un assist, un rigore procurato e un palo. Peccato per quegli acciacchi che ne hanno fermato la “rinascita”.

CAPRARI: 7,5

L’eredità di Zaccagni era tutt’altro che facile da raccogliere, ma lui l’ha fatto alla grande mettendo a disposizione le proprie caratteristiche: magari non avrà la gamba del romagnolo, ma le giocate e gli spunti sono quelli di un fantasista puro. Quattro reti (quella contro lo Spezia è da urlo) e cinque assist il suo attuale bottino. È arrivato a Verona per togliersi l’etichetta dell’eterno incompiuto e, almeno per ora, ci sta riuscendo alla grande.

LASAGNA: 6

È l’attaccante che ha impiegato più tempo a beneficiare della “cura Tudor”, ma negli ultimi tempi ha lanciato segnali incoraggianti (il gol contro la Fiorentina ne è la conferma). Speriamo che il girone di ritorno gli porti qualche rete in più.

CANCELLIERI: 6

Con Di Francesco era quasi titolare, con Tudor sta invece facendo più fatica: quel che è certo è che al ragazzo non manchino né i numeri né la personalità, anche se forse avrebbe bisogno di trovare un po’ di continuità per potersi davvero mettere in mostra. Possibile che a gennaio venga mandato a farsi le ossa in Serie B.

RAGUSA: s.v.

Rispolverato per la Coppa Italia, resta uno dei giocatori in uscita. A gennaio potrebbe cambiare aria, forse anche a titolo definitivo.

SIMEONE: 9

Che l’aria di Verona sia taumaturgica per giocatori reduci da annate difficili è ormai un dato di fatto, ma il Cholito ne è probabilmente una delle più alte espressioni: dodici gol (senza rigori) e due assist in diciannove partite di campionato sono un bottino degno di un grande attaccante. Di testa o di piede, di rapina o con una botta da fuori, l’argentino è risultato a dir poco decisivo, castigando quasi tutte le “big” del campionato. Girone d’andata pazzesco il suo.

 

Per il pagellone del centrocampo, clicca qui

Per il pagellone dello staff, clicca qui

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Le Pagelle di CalcioHellas