Resta in contatto

Esclusive

ESC. CH – Lucas: “Ho sempre sognato di fare il capitano. E quest’anno voglio vincere il campionato!”

Il giovane centrocampista brasiliano, nella prima parte della lunga intervista concessaci, ha parlato del suo percorso italiano e della stagione in corso

Quattro vittorie in quattro partite, fascia da capitano e un gol messo a segno con un rigore calciato imparabilmente sotto al sette: è stato un avvio di campionato decisamente positivo per Lucas Martello Felippe Nascimento, in breve conosciuto semplicemente come Lucas.

Proprio questo suo grande avvio di campionato ci ha quindi spinti a raggiungerlo per parlare con lui del suo percorso di crescita, di Primavera e di Prima Squadra, ma anche del suo rapporto con Miguel Veloso.

Il risultato è una lunga intervista, che per comodità vi abbiamo diviso in due parti: di seguito, dunque, la prima metà.

Cominciamo parlando di te: è il tuo terzo anno in Italia, in cosa ti senti cresciuto e in cosa credi di dover migliorare?
«I brasiliani normalmente sono bravi con la palla tra i piedi, mentre peccano un po’ quando sono gli altri ad avere il pallone: anche io ero così, ma in questi anni sono molto cresciuto in fase di non possesso. Da quando sono qui ho anche fatto tanta palestra, e quindi anche la potenza del mio tiro è aumentata. Credo di poter ancora migliorare su alcune cose, come per esempio il “piede debole” (il destro, ndr) e il colpo di testa».

Per un giovane brasiliano l’ambientamento al calcio italiano può essere difficile: quanto è importante avere in squadra tanti connazionali come Bessa, Empereur, Joao Cesco e Aznar?
«Credo sia molto importante perché ti aiuta anche a contrastare un po’ la mancanza della famiglia: avere tanti brasiliani attorno aiuta a sentirsi un po’ più “a casa”».

Da bambino quali erano i tuoi idoli? E adesso a chi ti ispiri?
«Da piccolo adoravo Ronaldinho, poi quando sono arrivato qui mi sono ispirato a Jorginho. Da quest’anno alla lista si è poi aggiunto Veloso…».

Parliamo un po’ della Primavera: primo posto in classifica dopo quattro giornate, ti saresti aspettato un inizio così? Dove volete arrivare?
«Mi aspettavo di partire bene, ma magari non in questo modo: vincerne quattro su quattro non è mai facile, quindi sono molto contento. Come ha detto Udogie, il nostro obiettivo è quello di vincere il campionato, e vogliamo farlo raccogliendo più punti possibili».

Com’è Corrent come allenatore? Cosa ti ha colpito di lui e cosa ti chiede?
«Il mister ci trasmette tanta grinta e mi piace molto: ci fa giocare a calcio, vuole che abbiamo sempre la palla tra i piedi e che quando non ce l’abbiamo pressiamo subito per riprenderla. A me chiede soprattutto di far giocare la squadra e di scendere sempre in campo con la giusta mentalità».

Quest’anno sei il capitano della Primavera: cosa significa per te la fascia?
«Quando il mister è venuto da me per chiedermi se volessi essere il capitano, gli ho risposto subito di sì: non l’ho mai detto a nessuno, ma per me avere la fascia al braccio è un sogno. Prima non avevo mai avuto la possibilità di ricoprire questo ruolo, quindi ringrazio Corrent».

Parlaci un po’ di Jocic: come lo ha visto in queste prime partite?
«Per la Primavera è sicuramente un grande acquisto: è molto bravo e ha un’ottima tecnica, anche se deve ancora abituarsi al calcio italiano. È comprensibile, è appena arrivato e finora ha giocato due o tre partite: io stesso ci ho impiegato circa mezza stagione per ambientarmi. Quando ci riuscirà anche lui, sono convinto che ci aiuterà molto».

 

(Clicca QUI per la seconda parte dell’intervista)

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Esclusive