Resta in contatto

Esclusive

ESC. CH – Ancora Lucas: “Juric molto bravo, Veloso punto di riferimento”

L’ultima parte dell’intervista esclusiva al giovane centrocampista brasiliano: in questa seconda metà, c’è tanta Prima Squadra, ma non solo

Dopo aver parlato del percorso di crescita e della Primavera, è giunto il momento di proporvi la secondo parte della nostra intervista esclusiva a Lucas: ora vi faremo leggere cosa ci ha raccontato sulla Prima Squadra e sul suo rapporto con Miguel Veloso, il suo “corrispettivo” tra le fila di Juric.

Eccovi quindi di seguito la seconda metà della nostra lunga chiacchierata con il talento brasiliano.

Per la seconda volta hai preso parte al ritiro estivo con la Prima Squadra: che esperienza è stata?
«Fare il ritiro con una la Prima Squadra è fantastico, mi ha fatto crescere e imparare tanto, soprattutto grazie ai consigli di Veloso…».

Che allenatore è e cosa ti ha insegnato Ivan Juric? I suoi allenamenti sono davvero così intensi?
«È un mister molto bravo: vuole che i suoi giocatori diano tutto dall’inizio alla fine. Io sono un giocatore tecnico, ma con lui sto imparando a farmi valere anche in fase di interdizione. Per quanto riguarda i suoi allenamenti, sono effettivamente intensissimi e pesanti: io sono appena tornato da Peschiera e sono veramente stanco…».

Prima ci hai accennato a Veloso, un giocatore simile a te sotto molti aspetti: com’è il tuo rapporto con lui?
«È il mio punto di riferimento in Prima Squadra, e mi ha impressionato molto in questo avvio di stagione. In ritiro ci fermavamo a fine allenamento per battere un po’ di punizioni insieme, e già guardarlo calciare mi ha insegnato molto. Mi ha detto di essere tranquillo e di guardare sempre il portiere per poterlo prendere controtempo nel caso si muovesse in anticipo».

Ti aspettavi questo Kumbulla in Serie A?
«Quest’anno sta facendo molto bene, sono veramente contentissimo per lui perché se lo merita: spero continui così».

Qual è il tuo sogno nel cassetto a breve e a lungo termine?
«Per quest’anno sicuramente vorrei esordire in Serie A con il Verona, per il futuro il sogno più grande è sicuramente vestire la maglia della Nazionale maggiore brasiliana».

Chiudiamo con una battuta. Abbiamo notato che sui social scrivi spesso “brazucas” per riferirti a te e ai tuoi compagni: ci spieghi un po’ cosa significa?
«Significa semplicemente “ragazzi”, ma essendo a Verona lo tradurrei con “butei”!».

 

(Hai perso la prima parte dell’intervista? Clicca QUI)

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Esclusive