Resta in contatto

Approfondimenti

19 aprile 2014: Donati e Toni sconsacrano la Dea

Toni Verona

L’Hellas Verona continua a vincere e lo fa anche sul campo dell’Atalanta. Vittoria meritata anche se il finale è da brividi: era il 2014.

Quattro anni fa una bella sfida fra due sorprese del campionato: l’Atalanta di Colantuono e il neo-promosso Verona di Mandorlini. Era esattamente il 19 aprile 2014 e in quel momento nerazzurri e scaligeri erano rispettivamente undicesimi e ottavi in classifica. Le due squadre scesero così in campo:

Atalanta (4-4-2): Consigli; Nica, Benolouane, Yepes, Brivio; Raimondi, Baselli, Carmona, Bonaventura; Livaja, Denis.

Hellas Verona (4-3-3): Rafael, Pillud, Moras, Marques, Albertazzi; Donati, Cirigliano, Halfredsson; Iturbe, Toni, Marquinho.

La gara inizia bene per i padroni di casa, che si rendono immediatamente pericolosi con la conclusione in area dell’ex Inter Livaja. Fino al quarto d’ora è tutta roba della Dea, ma poi esce l’Hellas che al 22′ spreca inspiegabilmente un facile tap-in sui piedi di Luca Toni. Prima del fischio dell’intervallo anche Iturbe spaventa Consigli, che però respinge basso.

Nella ripresa ci vogliono otto minuti per vedere sbloccarsi la partita, con la botta da fuori di Massimo Donati che prende una traiettoria a uscire e si infila alle spalle del portiere: Atalanta-Hellas Verona 0-1. Poi si alternano attacchi atalantini e scaligeri, con pregevoli parate di Consigli e Rafael, ma al 72′ i gialloblù trovano la combinazione giusta per raddoppiare. Iturbe si presenta davanti al portiere e serve poco più a sinistra Luca Toni, che questa volta non può certo sbagliare: Atalanta-Hellas Verona 0-2.

I padroni di casa rimangono in 10 dopo la fortissima botta al naso per Brivio, così gli ospiti hanno la potenziale palla del 3-0 con Gomez, ma il palo gli dice no. All’87’ accorcia la Dea, che sfrutta una punizione deviata da Maxi Moralez e corretta definitivamente da German Denis: Atalanta-Hellas Verona 1-2. Cigarini rischia addirittura di pareggiarla all’ultimo minuto, ma Rafael è attento e gli uomini di Mandorlini portano a casa i tre punti.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti