Resta in contatto

News

Melis ricorda il 3-0 al Toro: “Non ci prendevano mai. La società decise di non partecipare all’Intertoto”

Le dichiarazioni dell’attuale allenatore del Cagliari U17, che ricorda la vittoria per 3-0 a domicilio contro i granata

Martino Melis, ex centrocampista dell’Hellas Verona, ha parlato a L’Arena per ricordare il tris al Torino della stagione 1999-2000:

“È così, accidenti già vent’anni sono passati da quella partita. Un’eternità. Eravamo un grande gruppo e giocavamo un bel calcio ma ci mancava esperienza e consapevolezza nei nostri mezzi. Meglio non avevamo un calciatore che ci desse la personalità necessaria per sbloccarci. Arrivò a gennaio”.

MORFEO.Lui è stato un grande campione. Fu grazie a Morfeo che ritrovammo fiducia in noi stessi. Lui ci diede personalità e fantasia in attacco. Aveva gli occhi anche dietro la testa. Cammarata, io stesso e Salvetti segnammo spesso. Poi ci pensò anche Adailton. Il nostro 4 4 2 era micidiale. Tutto sommato pure nel girone d’andata avevamo fatto delle partite bellissime. Il problema è che non riuscivamo a segnare. Ripeto la chiave di tutto è stato Morfeo. Inserito in un bel gruppo, lo ha riacceso”.

TORINO. “E pensare che Domenico non c’era neppure, che partita. Non ci prendevano mai. Brocchi e forse proprio Salvetti, non ricordo, mi liberano ed io batto di sinistro Bucci. Il primo che mi salta in braccio è Italiano. In panchina vedo i pugni al cielo di Fanna che ha appena abbracciato Prandelli. Che gioia. Il Toro? Più ci legnava e più gli facevamo gol. Cammarata segna alla Vieri, incrocio e poi palla di ritorno in tuffo di testa. Gol e ancora gol. All’intervallo siamo già tre a zero per noi. Un sogno. Nel secondo tempo avremmo potuto farne altri tre. Il Torino se non sbaglio finì in nove. Andammo in Europa ma c’era da fare l’Intertoto e Pastorello disse di no. Poteva starci, ma di fatto togliemmo lo scudetto alla Juve battendola e poi firmammo altre imprese”.

CORONAVIRUS. “Che dite? Qua non si ricomincia più. D’altronde finchè il Paese non vince questa battaglia contro il virus, non ha senso ricominciare. A porte chiuse? Non è calcio dai. È una cosa molto triste restare chiusi in casa o muoversi per lo stretto necessario. Qui fra un mese e mezzo avrebbe dovuto iniziare la stagione. I miei amici veronesi stanno bene. Nel Veneto ho visto Zaia che ha fatto molto bene finora. La sua scelta sembra essere azzeccata. Qui il problema è a Sassari ora. Ma com’è possibile visto che siamo un’isola. Si doveva gestirla meglio”.

 

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News