Resta in contatto

News

Veloso: “Veronesi grandi lavoratori: viene naturale dare tutto per loro”

Il centrocampista gialloblù, raggiunto dai colleghi de L’Arena, ha parlato in vista della sfida contro il Torino

Arrivato tra un po’ di mugugni (“È vecchio” il leitmotiv più ricorrente), si è preso subito il centrocampo e, visto lo scarso impiego di Pazzini, anche la fascia da capitano: stiamo ovviamente parlando di Miguel Veloso, uno dei colpacci estivi (è arrivato a parametro zero) di D’Amico nonché uno dei cardini del Verona di Juric.

Raggiunto dai colleghi de L’Arena in vista della sfida contro il Torino, il regista gialloblù ha parlato a tutto tondo sulla sfida contro i granata ma anche sul suo approdo all’Hellas, sulla lotta-salvezza e su tanto altro: di seguito, dunque, le sue principali dichiarazioni.

L’ARRIVO E L’AMBIENTAMENTO. «È stato il mister che mi ha convinto a venire. Ricordo però che c’era tanto scetticismo, leggevo che Ivan sarebbe stato il primo allenatore a “saltare”. Comunque non non mi aspettavo un gruppo di ragazzi così bravi: non pensavo di inserirmi così bene e di regalarmi queste soddisfazioni a 33 anni. Sono felice del ruolo che mi è stato dato, è la squadra che esalta le mie qualità, non il contrario… Spero di fare una grande stagione e spero di arrivare all’ultima giornata con l’idea che non abbiamo ancora fatto nulla: è questo il nostro segreto».

CORSA-SALVEZZA. «Credo ci si salverà con quaranta punti, perché quest’anno corrono tutti. Qualcosa più della salvezza? Piano, non siamo l’Atalanta, anche se contro di loro avremmo potuto portare a casa un pari…».

LA SQUADRA. «Amrabat è un grande calciatore, ma abbiamo tanti giovani appena arrivati in Serie A, e non dimentichiamo che abbiamo Badu e Bessa che da gennaio inizieranno a darci una mano. Per quanto mi riguarda ho avuto un infortunio al polpaccio (più nello specifico al soleo, ndr) e non è facile riprendere il ritmo. Mi sembra che finora abbiamo sempre fatto bene con tutti, poi è chiaro che con le big è sempre difficile fare risultato. Chi mi ha stupito? Kumbulla è forte mentalmente ed è un grande difensore. E dire che a inizio stagione mi faceva quasi tenerezza: si stupiva e aveva quasi timore di giocare!».

LA RETE CONTRO LA JUVE. «Quello segnato all’Allianz Stadium è stato un bel gol, e poi quell’esultanza sotto i nostri tifosi… Comunque spero di farne altri tre o quattro».

IL VAR. «Parlare del VAR è sempre un rischio, non vorrei che mi multassero (ride, ndr). Io comunque non capisco perché a volte vadano allo schermo e altre no, è difficile anche per l’arbitro: credo che il suo utilizzo andrebbe semplificato».

IL TORINO E IL GENOA. «La gara contro il Toro sarà molto difficile: loro, anche se sono un po’ in difficoltà, sono un gruppo costruito per l’Europa. Noi però faremo di tutto per tornare alla vittoria. Per quanto riguarda Genova, molti amici miei e del mister sono contenti per noi. A volte diventi bravo solo quando vai via: capita di apprezzare le cose che si avevano quando non si hanno più…».

VERONA CITTÀ. «Non conoscevo nulla di Verona prima di venire qui, ma ho trovato una città bellissima e gente positiva che quando dai tutto ti sostiene sempre. Inoltre i veronesi sono gradi lavoratori: viene naturale dare qualcosa in più per questa gente».

3 Commenti

3
Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Francesco Commisso ti viene naturale

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

VERONA CITTÀ. «Non conoscevo nulla di Verona prima di venire qui, ma ho trovato una città bellissima e gente positiva che quando dai tutto ti sostiene sempre. Inoltre i veronesi sono gradi lavoratori: viene naturale dare qualcosa in più per questa gente». Tac detto tutto… qui si sostiene a prescindere dal risultato l’importante è aver dato tutto.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Mo cinvinci i tuoi amici a hellas

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News