Resta in contatto

News

Qui Primiero, Veloso: “Contento per l’Italia. Juric? Ha fatto le sue scelte”

Il capitano gialloblù ha parlato durante la prima conferenza stampa del ritiro

È un Miguel Veloso ad ampio spettro quello intervenuto oggi durante la conferenza stampa a lui dedicata in quel di Primiero.

Senza perdere tempo, ecco dunque le principali dichiarazioni del capitano gialloblù.

LA FINALE. «Sono un po’ triste perché mi aspettavo che il Portogallo andasse un po’ più avanti nell’Europeo, però sono contento perché vivo in Italia da tanti anni, mia moglie è italiana e i miei figli sono italiani. Abbiamo guardato la partita tutti insieme, soffrendo anche un po’, ma è stato bello che alla fine sia arrivata la vittoria».

IL GRUPPO. «La nostra forza come Verona è sempre stata il gruppo. Ricordo che due anni fa ci davano come primi retrocessi, invece abbiamo fatto belle cose e non ci fosse stato il Covid avremmo potuto fare qualcosa di più. Tutto quello che è arrivato è stato merito del gruppo, il quale è sempre più importante rispetto ai singoli. d Berardi? È uno dei giocatori più importanti di questa squadra. Qualcuno mi prenderà in giro per queste mie affermazioni, ma lui ha sempre dato il proprio meglio per i compagni».

GLI OBIETTIVI. «In questi due anni abbiamo fatto bene per merito della squadra, ma anche di staff e società, ed è questa filosofia ciò che dobbiamo portare avanti per raggiungere l’obiettivo della terza salvezza. A livello» personale invece spero di fare meglio dell’anno scorso perché l’ultima stagione mi ha lasciato insoddisfatto».

IL CAMBIO DI ALLENATORE. «Mister Juric alla fine ha preso la propria decisione, ma ora non ha più senso parlarne. Ora dobbiamo aiutare il nuovo mister a mettere in campo le sue idee. Di Francesco? Come tutti ha le sue idee. È un allenatore molto preparato e credo ci preparerà al meglio ».

IL FUTURO. «Non penso ancora al ritiro: ho preso il patentino UEFA B perché era una possibilità che mi si è presentata, ma al momento non è ancora il mio pensiero principale perché so che posso dare ancora molto a questa società e quindi finché sarà così continuerò a giocare».

IL MERCATO. «Hongla è un giocatore forte fisicamente e dinamico, noi dovremo aiutare a inserirsi e ad adattarsi al campionato italiano perché sicuramente è diverso da quelli in cui ha giocato finora. Per quanto riguarda il mercato, il direttore D’Amico e la società faranno le scelte migliori».

CAPITANO. «Non mi sento una bandiera della squadra, ma sento di aver aiutato la società a raggiungere i propri obiettivi. Noi dobbiamo continuare a fare un passo alla volta verso la salvezza».

LA PREPARAZIONE. «L’anno scorso abbiamo avuto solo due settimane di vacanza al termine di una stagione atipica e durante la stagione si sono visti tantissimi infortuni, quindi prepararci bene è importantissimo nell’ottica del raggiungimento dei nostri obiettivi».

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News