Resta in contatto

Esclusive

Coronavirus, Mazzola: “Bisognava fermare prima il campionato. I calciatori adesso…”

La bandiera dell’Inter invita i calciatori a fare la loro parte devolvendo il 5% del loro stipendio alla ricerca e agli ospedali

Il calcio è importante nella società odierna e i calciatori possono fare molto, sia come esempio, sia per la disponibilità economica. In questa emergenza sanitaria dovuta all’espandersi dei contagi da Covid 19, o Coronavirus, forse non tutto quanto si poteva fare è stato fatto.

Sandro Mazzola, bandiera dell’Inter e personaggio anche fuori dal campo, lo dice con chiarezza in un’intervista rilasciata in esclusiva: “Bisognava fermare il campionato prima, evitare le trasferte delle squadre. Non era tanto difficile ipotizzare che il virus potesse raggiungere anche i calciatori. Impossibile pensare di non abbracciarsi dopo un gol. Quando l’azione si conclude con un gol è normale che i compagni ti festeggino. Il calcio è uno sport di contatto, di contrasti, di giocatori in barriere e di mischia in area. E i calciatori si sono contagiati“.

Se fermarsi sarebbe stato giusto, ma non dipendeva più di tanto dai giocatori propendere per tale scelta, i calciatori possono fare qualcosa di significativo per l’Italia. “I giocatori potrebbero fare una cosa molto bella in questo momento, devolvendo il 5% del loro stipendio alla ricerca e agli ospedali -dice Sandro Mazzola, confermando quanto già detto in una trasmissione radio- quando giocavo lo facemmo in diversi per l’alluvione di Firenze nel 1966. Sarebbe un gesto importante e, in fondo, l’intenzione giusta per fare qualcosa di molto bello. Poi magari qualcuno l’ha già fatto e non lo fa sapere“.

Secondo la bandiera dell’Inter i calciatori spesso sono “catalogati come superficiali o mercenari, in questo frangente hanno l’occasione di dimostrare che non è vero, mettendosi al servizio della collettività. In serie A guadagnano molto e il 5% dello stipendio contro il Coronavirus non dovrebbe costituire un grosso sacrificio e, soprattutto, sarebbe una scelta intelligente“.

Quanto alla situazione di isolamento in casa anche Sandro Mazzola la vive come tanti, abituati alla velocità delle città del Nord: “Sembra tutto surreale, un Paese bloccato, silenzioso e rallentato. Non ero abituato nè preparato, mi toglie il fatto. Ciò che mi colpisce è il fatto che quando esco da casa per fare una passeggiata c’è il deserto totale“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
odorizzi
odorizzi
3 mesi fa

Rispettiamo le regole, non si può più tornare indietro.
Quello che è fatto è fatto.

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Esclusive