Resta in contatto

News

Silvestri: “Il margine sulla zona-salvezza ci dà tranquillità”

Il portierone gialloblù ammette che il +11 su Genoa e Brescia aiuterà la squadra di affrontare con più serenità i prossimi impegni

Due partite quasi da spettatore, al termine delle quali ha potuto festeggiare sei punti pesantissimi: non male le ultime due settimane di Marco Silvestri, certamente uno dei gialloblù meno “operosi” nell’ultimo periodo.

In occasione della sfida contro il Bologna i colleghi de L’Arena hanno quindi deciso di raggiungerlo per “tastargli il polso” e tirare con lui le prime somme dopo il girone d’andata: di seguito, dunque, le sue principali dichiarazioni.

IL GENOA. «Negli spogliatoi pensavo che contro il Genoa al massimo avremmo potuto pareggiare l’incontro, e invece i miei compagni sono stati bravissimi: così come contro la SPAL hanno limitato al massimo gli attaccanti, e io in sostanza sono stato a guardare. Il gol di Sanabria è tutto suo».

I SINGOLI. «Ho parlato con Rrahmani e Amrabat, e li vedo concentrati sul lavoro. Entrambi devono moltissimo al Verona e lo hanno ricordato più volte, quindi non ci sarà nessun problema. Fra poco finisce il mercato e fino a giugno daranno il massimo come hanno fatto finora. Günter sembra essere più a suo agio al centro della difesa, tocca più palloni e quindi in fase d’impostazione è meglio per la squadra. Borini? Quando lui era al Bologna e io al Modena (giovanili, primi anni Duemila, ndr) mi segnava sempre, ma poi vincevamo noi: è un ottimo calciatore e una bella persona».

MARGINE IMPORTANTE. «Sapevamo che gennaio sarebbe stato un mese importante per noi, e vincere con SPAL e Genoa non è stato facile. Ora ci troviamo con un bel margine sulla zona retrocessione, ciò ci dà più tranquillità, e l’entusiasmo fa il resto: quest’anno ce la siamo sempre giocata con chiunque, figuriamoci adesso!»

IL CAMPIONATO DI SILVESTRI. «Non saprei darmi un voto, però posso dire che mi ricorderò a lungo la partita d’andata contro il Bologna, la mia prima gara in Serie A con la maglia del Verona. È da lì che abbiamo iniziato a costruire il nostro carattere, crescendo poi di partita in partita. Personalmente sono comunque soddisfatto del mio rendimento, e per questo devo ringraziare lo staff e tutti i miei compagni di squadra».

LA SERIE A. «Questo è un campionato sempre affascinante: basti pensare che la lotta per la salvezza si estende da noi fino alla SPAL e che in mezzo, anche se a breve prenderanno il largo, ci sono anche squadre come Napoli, Milan e Fiorentina. In avanti poi c’è anche la lotta fra Juventus e Inter (noi ci aggiungeremmo pure la Lazio, ndr). Il migliore collega e il migliore attaccante? In porta Handanovic ha qualcosa in più degli altri, mentre davanti oltre a Lukaku e Ronaldo mi è piaciuto molto Sanabria: ha fatto un gran gol e, nonostante gli siano arrivati pochi palloni, ci ha messo in difficoltà. Credo farà strada».

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News