Resta in contatto

News

Faraoni: “Corsa, spinta ed esperienza per la Serie A” (VIDEO)

Il neo-acquisto gialloblù si è raccontato ai giornalisti subito dopo Alessandro Berardi

Giorno di presentazioni in casa Hellas, che oltre a Berardi ha messo a disposizione dei giornalisti anche Davide Faraoni.

L’ex Crotone, arrivato al termine di una vera e propria trattativa-lampo e a Verona da appena un paio di giorni, sembra comunque già essersi subito ambientato alla grande:
«All’andata sono rimasto molto impressionato dall’Hellas, ma non avrei mai pensato di giocare qui. Eppure, quando ho ricevuto questa proposta, ho accettato in un attimo. Pensate che dopo 4 ore avevo già il biglietto in mano!

Sono arrivato da un paio di giorni, e finora ho visto solo il campo d’allenamento e la sede, ma a primo impatto sono rimasto favorevolmente colpito: c’è una grande organizzazione e i miei nuovi compagni si sono subito rivelato molto gentili e disponibili con me. Si vede che c’è un gran gruppo, ma so anche che è una piazza ambiziosa: sono qui per dare il massimo e per dimostrare di poter essere in grado di tornare a giocare in Serie A. Quanto valiamo davvero lo sapremo però solo a fine stagione.

Grosso? Vedere il mister inizialmente mi ha subito fatto ripensare al 2006, e quindi mi ha un po’ emozionato. Non ci ho ancora parlato molto, ma è normale: non ha senso sovraccaricare di informazioni un nuovo arrivato, però mi ha detto un paio di cose che per lui sono importanti. Per il momento posso solo dire che mi sembra un allenatore con una grande voglia di fare bene».

Le domande si sono quindi spostate sul ruolo e sulle caratteristiche del neo-acquisto dell’Hellas:
«Da giovane ho fatto il difensore centrale, e mi divertivo molto in quel ruolo. Poi per caratteristiche sono stato spostato sulla fascia. Diciamo che al momento il meglio di me lo do come terzino destro, visto che partendo da dietro riesco a fare più male. I miei pregi in campo? La corsa e la spinta non mi sono mai mancate, ma ora posso far valere anche una buona dose di esperienza maturata negli anni».

La conferenza si è quindi chiusa parlando del campionato cadetto e del prossimo impegno contro il Padova:
«Il campionato di Serie B sta crescendo molto: ultimamente si spende un sacco e ci sono parecchi giocatori di categoria superiore. È un torneo difficile, quindi partire bene contro il Padova sarà fondamentale per mandare a tutti un segnale dopo la pausa. L’unica cosa certa è che sarà una battaglia: loro hanno cambiato molto rispetto alla prima parte di stagione, e i nuovi vorranno subito fare bene. Inoltre parliamo pur sempre di un derby…».

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News