Resta in contatto

Calciomercato

Il Toro non molla Pazzini

Il Toro davanti è spuntato. Belotti paga la legge del contrappasso che spesso colpisce gli attaccanti, e dopo la straordinaria stagione scorsa, quest’anno tra sfortune e infortuni sta faticando sempre di più.

Inoltre è rimasto l’unica prima punta di ruolo: infatti Sadiq è passato al Naq Breda, in Olanda. E Niang, pur considerandosi tale, è più un jolly offensivo che non ha mai superato le 5 reti stagionali in Italia.

Ecco quindi che, come riporta Tuttosport, il Torino continua a valutare un’operazione low cost in extremis che porta il nome di Giampaolo Pazzini.

Il Pazzo ha di fatto rotto con Pecchia. Lo dimostra anche la scelta del tecnico di lasciarlo in panchina domenica contro il Crotone, dando spazio a Petkovic, appena prelevato dal Bologna.

L’attaccante ha invece un buon rapporto col neo tecnico granata Walter Mazzarri, col quale ha giocato per sei mesi nel 2009 alla Samp, quando raccolse un ottimo bottino di 11 reti in 19 presenze.

Attualmente a Verona percepisce un ingaggio sopra il milione netto, con un contratto in scadenza nel 2020. Cifre importanti che il Toro, vista anche l’età, non vuole accollarsi. Ecco che quindi l’accordo potrebbe essere trovato sulla base di un prestito fino a giugno con diritto di riscattoL’attaccante, pur di cambiare aria, non esisterebbe ad accettare.

Petrachi attende di conoscere il destino del baby attaccante Damascan. Se nei prossimi giorni non dovesse ottenere il passaporto rumeno e quindi fosse costretto a rimanere ‘parcheggiato’ allo Sheriff Tiraspol in Moldavia, ecco che ds granata potrebbe riaprire le trattative con il Verona per il Pazzo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Calciomercato