Resta in contatto

Calciomercato

Concorrenza su Boyé e si pensa a una vecchia conoscenza

Lucas Boyé è un obiettivo del Verona: non è una novità, lo si era scoperto già qualche settimana fa. Il Corriere dello Sport fa oggi un punto sulla sua situazione, segnalando le sirene de La Liga spagnola, ma il quotidiano romano insiste anche sulle voci che vorrebbero un ritorno in gialloblù di un altro attaccante.

La concorrenza per il giovane argentino dei granata, che compirà 22 anni a febbraio, viene dal Benevento ma anche dalla spagna. Le Streghe vorrebbero l’attaccante per rinforzare un reparto poco prolifico, ma la corte del Celta Vigo potrebbe essere decisamente più invitante.

Chiave dell’operazione potrebbe essere Giampaolo Pazzini, perché il Torino non pare intenzionato a privarsi dell’argentino senza aver prima trovato un’alternativa d’attacco e i nomi si sono ristretti a due: o il capitano del Verona, o Falcinelli del Sassuolo. Il Sassuolo però, in caso di partenza della propria punta, sarebbe pronto a piombare sul Pazzo, aprendo gli scenari per un caotico triangolo di mercato.

Certamente è probabile che la situazione si risolva in modo più semplice. Il forte interessamento gialloblù nei confronti di Matos potrebbe essere un ufficiale passo indietro degli scaligeri per Boyé, anche perché il Celta Vigo non è concorrenza da poco: i galiziani sono attualmente undicesimi nel massimo campionato iberico e l’anno scorso sono addirittura arrivati in semifinale di Europa League.

Più per gli esterni che per l’attacco, si accendono le voci di un possibile ritorno all’Hellas Verona. Parliamo di Marco D’Alessandro, attualmente in prestito al Benevento dall’Atalanta. L’esterno romano aveva già militato nelle fila scaligere nel 2011/’12, primo anno di Serie B con Andrea Mandorlini, proseguendo poi con buone esperienze a Cesena e a Bergamo.

Il giocatore piace anche al Bologna, che rischia di perdere il suo gioiello Verdi in questa sessione di mercato, ma pure ChievoVerona e Sassuolo sono spettatrici interessate alla vicenda. Il fattore che crea confusione è l’obbligo di riscatto che il Benevento ha sul calciatore, fissato a quota 20 presenze (10 al momento) o in caso di salvezza.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Calciomercato