Calcio Hellas
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Berardi e Pecchini incontrano i ragazzi della Junior TIM Cup

Il portiere e il difensore gialloblù hanno raccontato le proprie esperienze

Foto: Hellas Verona FC

L’Hellas Verona ha ospitato l’ottava tappa della Junior TIM Cup – Keep Racism Out, torneo giovanile arrivato all’undicesima edizione volto a sensibilizzare i più piccoli sul tema del razzismo e ogni forma di discriminazione.

Per l’occasione, i ragazzi del Seminario Minore di Verona hanno incontrato Alessandro Berardi e Alessia Pecchini, i quali hanno parlato della propria esperienza da calciatori.

Di seguito, dunque, le dichiarazioni del portiere e del difensore gialloblù.

BERARDI. «Da quando sono piccolo ho sempre giocato insieme a calciatori che hanno fatto esperienze diverse dalle mie, e proprio grazie a questi rapporti ho capito quanti ragazzi hanno vissuto momenti incredibili. Per me potersi confrontare con persone di altre culture è da sempre un’opportunità magnifica: penso ci faccia crescere e ci aiuti a capire molte cose. Il calcio, in questo senso, può sicuramente essere uno strumento di inclusione. Per me il calcio è felicità, significa poter stare con i compagni, in un bel gruppo, ed è soprattutto vita. Il divertimento deve essere alla base, soprattutto quando si gioca a livelli non professionistici. Il messaggio che posso dare è quello di pensare solamente a divertirsi, soprattutto da piccoli. Crescendo bisogna avere poi anche degli obiettivi, perché per viaggiare serve una meta. Ma ognuno deve trovare la propria strada».

PECCHINI. «Nel calcio è molto importante fare squadra, e per questo è fondamentale conoscere anche lingue diverse. Io stessa sono stata straniera all’estero, dove ho anche giocato, e aver avuto tante persone e compagne che parlavano in inglese per comunicare con me mi ha fatto sentire veramente inclusa. Per questo anch’io cerco di fare lo stesso da sempre con tutti. Lo sport, e soprattutto il calcio, sono strumenti fortissimi per dare il buon esempio. Noi calciatrici e calciatori dobbiamo fungere da esempi positivi, continuando ad impegnarci in questa direzione. Non sempre chi urla o si fa sentire in campo rappresenta chi è il più forte. Credo invece che serva molta più forza e disciplina, per esempio, per rispettare decisioni arbitrali, andare avanti dopo aver subito un torto o per mandare giù la rabbia nei momenti di tensione. Quello penso sia il vero sintomo di forza e di coraggio».

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

All'evento organizzato dal Comitato Carnevale Bacanal del Gnoco ci sarà anche una delegazione del Verona...
Il messaggio pubblicato sui social dall'estremo difensore gialloblù...
Il portiere gialloblù potrebbe stare ai box per parecchio tempo...

Dal Network

Tantissimi i biglietti venduti in vista della sfida tra il Verona e la formazione ligure...
Il centrocampista del Genoa non sarà in campo nel match contro il Verona...

Altre notizie

Calcio Hellas