Calcio Hellas
Sito appartenente al Network

Baroni: “La classifica non conta, domani dovremo dare tutto”

Il tecnico gialloblù ha presentato la sfida contro la Salernitana in conferenza stampa

Consueta conferenza stampa pre-partita per mister Marco Baroni, intervenuto ai microfoni della sala stampa della sede di via Olanda per presentare il match contro la Salernitana.

Di seguito, dunque, le principali dichiarazioni del tecnico del Verona.

LA SQUADRA. «Stiamo continuando a lavorare per crescere. La squadra ora ha compattezza, coesione e un suo credo nello stare in campo. Dopo la vittoria contro il Cagliari abbiamo subito pensato alla Salernitana, un’altra gara importante. Pentito di non essere passato prima alla difesa a quattro? Io sono arrivato qui per dare un cambiamento, poi alcune difficoltà ci hanno costretti a rimanere sul vecchio modo di giocare. La difesa a tre comunque resta un patrimonio di questa squadra, quindi potrei anche utilizzarla in alcune fasi della partita. Sicuramente però il 4-2-3-1 ci ha dato più equilibrio, soprattutto in attacco».

I RECUPERI. «Domani mancherà Duda, un giocatore per noi molto importante, ma recupereremo Folorunsho, Faraoni e Magnani. Finalmente avremo a disposizione qualche giocatore in più».

LA PARTITA. «La Salernitana è una squadra che sta bene e che ha un ottimo organico. Sono ultimi in classifica, ma non conta: sono reduci da ottime prestazioni e verranno a giocarsela. Noi dovremo dare tutto, senza risparmiare niente, per portare dalla nostra parte anche gli episodi.».

I SINGOLI. «Bonazzoli può giocare anche sulla trequarti, è bravo a venire incontro e a costruire la manovra. Djuric e Henry sono giocatori simili tra loro, ma uno esce e uno entra: Milan sta bene e Thomas si avvicina alla forma ottimale. Saponara ha qualità e sicuramente sta beneficiando del cambio di modulo. Terracciano è un giocatore che vorrei sempre in campo, Suslov ha portato una grande determinazione, sta crescendo e sta dando continuità di prestazioni. Doig? Abbiamo lavorato per portarlo a fare il terzino nella difesa a quattro. Ora è un’arma in più per noi».

LA CHIUSURA DELLA CURVA. «Fermo restando che il Verona è contro ogni episodio di discriminazione, credo che la chiusura della Curva Sud non sia giusta e spero quindi che il ricorso vada a buon fine. La nostra gente ci dà una grande spinta e noi ne abbiamo bisogno».

IL CALCIOMERCATO. «Per il mercato c’è la società, io devo pensare a tenere i giocatori sul pezzo. Dobbiamo essere bravi a convivere con questa realtà un po’ fastidiosa per gli allenatori. Magari Sabatini poteva risparmiarsi l’uscita su Bonazzoli, ma Federico sta bene a Verona e quindi è un “non problema”. Chiaro che le attenzioni possano distrarre, ma cerchiamo sempre di rimanere concentrati».

Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Simeone torna a casa a segnare x noi forza Hellas

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Come non conta zio billi ,ma sito inseminio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Asino la classifica conta eccome .. non meriti l hellas

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

La classifica conta, eccome se conta…certe cose non si possono sentire.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Bisogna

Articoli correlati

Lo slovacco sempre più primo in classifica generale. Sul podio di giornata anche Magnani e...
Dal Sassuolo all'Udinese, cinque scontri diretti (o quasi) nelle prossime sette partite: l'Hellas ora deve...
Domani la ripresa dei lavori in vista della gara del Bentegodi in programma domenica contro...

Dal Network

L'espulsione a tempo sarà testata in Inghilterra, ma Ceferin non è convinto e la FIFA...
Verona beffato: il difensore sta per diventare un giocatore granata...
Calcio Hellas