Resta in contatto

News

Ex gialloblù, Juric: “Quaranta giorni di ritiro buttati. Lite con Vagnati? È stato bellissimo”

Le dichiarazioni del tecnico del Torino in vista della gara col Monza

L’ex tecnico gialloblù Ivan Juric ha parlato in conferenza stampa in vista della gara contro il Monza, toccando anche l’argomento della furibonda lite con Vagnati.

Di seguito, dunque, le sue principali dichiarazioni.

IL RITIRO. «Abbiamo svolto un brutto ritiro con pochi giocatori a disposizione, non era facile lavorare. Credo che la squadra sia incompleta a livello numerico. Sono contento per i nuovi arrivi ma l’andazzo è quello dell’anno scorso: prendiamo giocatori sulla carta ottimi che hanno fatto fatica negli ultimi anni e speriamo che ci diano un buon contributo. Il mercato è ancora lungo, ma i giocatori non sono figurine che arrivano e li metti subito. Abbiamo buttato 40 giorni allenandoci senza calciatori. È andato via Bremer, il miglior difensore della Serie A, e non è arrivato nessuno. Mi aspetto innesti sia a centrocampo, sia dietro».

LA LITE. «Il litigio con Vagnati è stato bellissimo, è l’essenza di tutte le cose. L’ho provocato così tanto che quando ha reagito ho detto: “Oh, finalmente!”. Poi il mondo l’ha ripreso e tutti pensavano chissà cosa ma io credo che sia stato un bel momento anche per Davide, così come per la sua carriera».

EUROPA. «Mi sono allargato parlando di Europa. Per essere sincero: uno lavora e diventa entusiasta, inizi a vedere le cose in un modo. Per fare questo lavoro ci vuole tanta energia, è molto emotivo. Penso che l’anno scorso sia stato difficilissimo per dispendio energetico. Lavoriamo con una calma e serenità allucinante. Si può lavorare benissimo. Succede che prendi a cuore certe situazioni e voli. Poi prendi due schiaffi e ti abbassi».

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News