Resta in contatto

Calciomercato

L’Arena: “Barak e Lasagna blindati, resta anche Kalinic”

Secondo i colleghi del quotidiano, i tre giocatori non si muoveranno da Verona durante questo mercato

Antonin Barak, Nikola Kalinic e Kevin Lasagna non si muoveranno almeno fino al termine della stagione: questo quanto riportato oggi da L’Arena. Secondo i colleghi, infatti, il Verona avrebbe blindato tutti e tre i giocatori.

L’obiettivo è ovviamente quello di non generare “scossoni” interni che possano compromettere la corsa alla salvezza, una volta raggiunta la quale il club sarà senz’altro più propenso a sedersi attorno a un tavolo.

Andiamo comunque ad analizzare la situazione più nello specifico.

BARAK. Senz’altro il giocatore gialloblù più richiesto, Antonin Barak sembra destinato a lasciare Verona, ma solo in estate. Su di lui tante squadre, italiane e non, tuttavia fino a giugno l’Hellas lo tratterrà. Salvo accordi “alla Rrahmani” (vendita immediata ma permanenza in riva all’Adige fino al termine della stagione), si tratta ovviamente di un rischio che potrebbe però fruttare parecchio: se il ceco dovesse infatti mantenere questo rendimento, è indubbio che D’Amico e Setti potrebbero chiedere più degli attuali venti milioni, ma è anche vero che un girone di ritorno deludente farebbe venire meno il “potere” gialloblù nell’ambito della trattativa.

LASAGNA. Gli ultimi segnali lanciati da Kevin Lasagna, gol contro la Fiorentina in primis, sono stati confortanti. Lazio e Cagliari avrebbero sondato il terreno, ma la duttilità dell’ex Udinese (può giocare sia al posto di Simeone che con lui), le incerte condizioni di Kalinic e la difficoltà di trovare un sostituto a gennaio sono tutti elementi che probabilmente faranno propendere l’Hellas verso un “no” a un eventuale addio.

KALINIC. Quello con il futuro più incerto rimane Nikola Kalinic: secondo i colleghi l’attaccante resterà a Verona fino al termine del contratto (giugno 2022), ma qualche dubbio a riguardo c’è. Un eventuale irresistibile richiamo di casa per il giocatore, lo stato di forma non ottimale, il pesante stipendio (un milione e mezzo circa) e la possibilità di non perdere il classe ’88 a parametro zero (l’Hajduk Spalato assicurerebbe all’Hellas un piccolo conguaglio) potrebbero anche portare la dirigenza di via Olanda a valutare l’opzione vendita. Prima, però, bisognerebbe trovare un sostituto adeguato, operazione come detto non facile in un mercato invernale che si preannuncia piuttosto bloccato.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Calciomercato