Resta in contatto

News

Bui: “Mi piace la pittura astratta. Con la maglia gialloblù emozioni impagabili”

Le dichiarazioni dell’ex attaccante di Verona e Milan che in questi giorni sarà presente alla mostra nella sede delle vecchie glorie

Gianni Bui torna a Verona, dallo sport all’arte. Da sabato 16 a venerdì 22 ottobre (esclusa la domenica) l’indimenticato attaccante gialloblù proporrà le proprie opere nella sede dell’ASD Ex Calciatori Hellas Verona, allo stadio Bentegodi.

Di seguito le sue principali dichiarazioni rilasciate a L’Arena:

Iniziai a dilettarmi proprio qui da voi. In ritiro con mister Nils Liedholm gli altri giocavano a carte mentre io mi divertito con le matite a disegnare i primi ritratti. Adesso mi sono appassionato alla pittura astratta. Ho trovato un’amica nell’arte. Accompagna le mie giornate. Uso i colori acrilici e mi lascio guidare dalla fantasia. Sono un autodidatta, non ho studiato. In casa non ho un vero e proprio studio ma mi arrangio. Questa sarà la mia seconda mostra. Sono contentissimo di tornare a Verona, una città che mi ha dato tanto”.

VERONA. “Ho vissuto emozioni impagabili con la maglia del Verona. Non sono rimasto molto ma è un club a cui sono parecchio legato. La soddisfazione più grande sono le quindici reti in una singola stagione di A con l’Hellas, record battuto soltanto da Luca Toni. Ho sempre ricevuto tantissimo affetto dai tifosi. Quando torno in riva all’Adige vengo fermato anche dai più giovani, magari cresciuti con i racconti dei loro padri. Spero di ricevere tanti veronesi. Mi farebbe davvero piacere. So cosa significa per loro il Verona e quando mescolo i colori, il giallo e il blu sono predominanti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News