Resta in contatto

Rubriche

Milan-Verona 2-2, le pagelle gialloblù di CH

Silvestri paratutto, Zaccagni è superlativo. Qualche passo indietro, invece, per Kalinic

È un Verona che alla fine vede il bicchiere più mezzo vuoto che mezzo pieno quello che esce dal Meazza: il punto in casa della capolista fa sicuramente piacere, ma la prima storica vittoria sfumata in pieno recupero è davvero difficile da mandare giù.

Con questo sapore agrodolce in bocca, andiamo dunque a vedere le pagelle dei gialloblù

SILVESTRI: 8,5. Le prende praticamente tutte, dovendosi arrendere solo alla sfortunata deviazione di Magnani e all’imperioso stacco di Ibrahimovic. Innervosire lo svedese (“L’ultimo l’hai sbagliato, vero?“) prima del rigore è poi un tocco di classe da portiere navigato.

LOVATO: 6. Soffre un po’ la velocità di Leao e causa un rigore piuttosto ingenuo, ma alla fine in qualche modo si arrabatta. Considerato il calibro dell’avversario e il fatto che Ibrahimovic dal dischetto calci in curva, si salva.

MAGNANI: 6,5. Ci mette il fisico e decisamente non sfigura. Sfortunato in occasione della deviazione che mette fuori causa Silvestri. Esce dopo aver chiesto il cambio: speriamo che sia qualcosa di risolvibile durante la sosta.

CECCHERINI: 6,5. Buona prestazione condita dalla traversa che poi si trasforma nel gol di Barak.

LAZOVIC: 6. Ci mette i polmoni, ma dà l’impressione di non aver ancora trovato la forma migliore. L’apporto alla causa, soprattutto in fase difensiva, è comunque sufficiente.

DAWIDOWICZ: 6. Schierato a centrocampo, ci mette il fisico e svolge un lavoro prezioso. Peccato per l’ennesimo infortunio.

ILIC: 6. Regia essenziale, si procura poi la punizione che poi si trasforma nello 0-2 gialloblù. La sufficienza è stiracchiata, ma ci può stare.

DIMARCO: 6. Anche lui non si vede moltissimo in avanti, ma dà il proprio contributo. Peccato per quel tiraccio a inizio secondo tempo: un terzo gol avrebbe potuto mettere in ghiaccio la partita.

BARAK: 6,5. Muscoli, giocate intelligenti e un altro gol da attaccante di razza. Se mantiene questa continuità, ci sarà da divertirsi.

ZACCAGNI: 8,5. Ennesima splendida partita del numero 20, senza dubbio il migliore in campo tra i gialloblù insieme a Silvestri. Solo il regolamento della Lega gli toglie il gol, ma per noi è tutto suo. La chiamata di Mancini, arrivata in questi ultimi minuti, è il giusto premio per un ragazzo che negli ultimi anni è cresciuto in modo esponenziale.

KALINIC: 5,5. Donnarumma gli toglie la gioia del gol, poi piano piano si spegne e dopo un’ora Juric lo toglie. Un passo indietro rispetto alle ultime uscite.

TAMEZE: 6. Entra per dare un po’ di freschezza, fa il suo.

COLLEY: 6. La sua velocità è un problema per la retroguardia del Milan.

UDOGIE: 6. Debutto di fuoco per il giovane gialloblù. Anche lui fa il suo.

ÇETIN: 6. Entra benissimo in partita con due o tre grandi interventi, poi Ibra gli salta in testa in occasione del 2-2: facciamo una media e gli diamo la sufficienza.

JURIC: 6,5. Opta per Dawidowicz a centrocampo e la scelta tutto sommato lo premia. Peccato per un paio di sostituzioni forzate: se avesse potuto giocarsele “liberamente”, forse le cose sarebbero andate in modo diverso…

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
23 giorni fa

Silvestri 8,5??? Primo tempo un tiro con deviazione sfortunata di Magnani, secondo tempo una parata su Ibra!!

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Rubriche