Resta in contatto

News

Di Gaudio: “Qualche sondaggio c’è stato, ma se non sono cose concrete non ci penso”

Le dichiarazioni dell’esterno offensivo rientrato dal prestito allo Spezia

L’attaccante dell’Hellas Verona, Antonio Di Gaudio, ha parlato in un’intervista a La Gazzetta dello Sport:

PROMOZIONE CON LO SPEZIA. “Non è mai facile vincere, soprattutto in piazze importanti. Io ce l’ho fatta in club che erano partiti con quell’obiettivo e l’hanno raggiunto. Anche a Carpi, dove c’erano giocatori oggi in A come Gagliolo, Letizia o Lasagna, e con un direttore come Giuntoli”.

OFFERTE.Qualche sondaggio c’è stato, ma se non sono cose concrete non ci penso. Lavoro qui da una settimana e aspetto. Poter tornare in B a vincere mi affascina, anche perché sarà un campionato bellissimo. Le tre retrocesse sono ottime squadre, ma anche le neopromosse sono tutte importanti: c’è l’imbarazzo della scelta”.

PALERMO. “Eh il Palermo… Anche loro hanno un girone tosto. Non escludo nulla, resto tifoso, lì c’è la mia famiglia, poi chissà”.

PROMOZIONI IN CARRIERA. “Parma la prima, perché arrivata a sorpresa: abbiamo vinto all’ultima giornata a La Spezia e superato il Frosinone che aveva pareggiato col Foggia. Poi quella di Carpi, perché era un gruppo di fratelli, affamati. Quindi Spezia e Verona, entrambe ai playoff: gli spareggi per la promozione sono partite speciali, i giocatori forti fanno la differenza ma anche il pubblico aiuta, vedi Verona nella finale col Cittadella. A La Spezia invece è stato fondamentale avere un direttore come Angelozzi che per tutto l’anno non ha mai mollato e che nel lockdown è stato un padre più che un direttore”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News