Resta in contatto

News

Miccoli a L’Arena: “Di Pazzini non mi priverei mai, ma rispetto Grosso”

L’ex attaccante di (tra le altre) Palermo e Lecce ha detto la sua non solo su capitano e allenatore gialloblù, ma anche sulla corsa promozione

Una grande carriera passata in piazze importanti e sui grandi palcoscenici europei, ma anche alcune vicende giudiziarie che ne hanno oscurato quanto di buono fatto in campo: stiamo parlando di Fabrizio Miccoli, ex attaccante (tra le altre) di Palermo e Lecce, due delle tre squadre che al momento si stanno giocando la Serie A.

Proprio quest’ultimo motivo ha quindi spinto i colleghi de L’Arena a raggiungerlo per scambiare quattro chiacchiere con lui sia sul campionato cadetto che sul Verona, e in particolare su Fabio Grosso e Giampaolo Pazzini.

Queste, dunque, le principali dichiarazioni rilasciate dall’ex bomber salentino al quotidiano scaligero.

PIAZZE IMPORTANTI. «Credo che tutte le piazze coinvolte nella lotta promozione migliorerebbero la Serie A: Brescia, Palermo, Lecce, Pescara, Verona e Benevento hanno tutte un seguito importante che riempirebbe gli stadi. Le favorite? Arrivati a questo punto le prime tre hanno un vantaggio consistente: il Brescia è la più continua, il Palermo è la più in forma e la più forte in assoluto, mentre il Lecce è la mia squadra del cuore e quella che a mio avviso esprime il miglior calcio della categoria. Mi aspetto tanta battaglia da qui alla fine».

L’HELLAS. «Verona è una piazza che giustamente pretende il risultato, ma come ho provato in prima persona ci sono annate più difficili di altre. Per esempio chi si sarebbe aspettato di dover avere a che fare con un Lecce e un Brescia così competitivi? L’Hellas paga anche questo. I play-off? Occhio, perché agli spareggi i valori si azzerano, e può accadere di tutto».

GROSSO E PAZZINI. «Fabio è un uomo straordinario, lo ricordo come uno dei compagni più equilibrati. Da giocatore ha scalato un passetto alla volta fino ad arrivare sul tetto del mondo: farà così anche da tecnico. Dargli un consiglio? Dall’esterno mi verrebbe da dire che io uno come Pazzini lo farei giocare sempre, è una punta che apprezzo molto. L’allenatore però è lui, e quindi le sue scelte vanno rispettate».

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News