Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Indimenticabili sfide ad Allegri

Allegri, da allenatore di Sassuolo, Milan e Juventus, già quattro volte ha fatto visita allo stadio Bentegodi di Verona, ma due di queste occasioni gli sono costate una brutta sconfitta per 2-1. Così, per ripercorrere ricordi di meravigliose e indimenticabili partite, torniamo a raccontarle.

È il 23 agosto 2013, prima giornata di Serie A. Il Verona torna in massima serie dopo un’infinita latitanza in B e Lega Pro. Per il Milan l’ostacolo non sembra così difficile da superare, specie dopo il vantaggio al 14′ di Poli. I tifosi gialloblù hanno un conto aperto con il numero 45 avversario: Balotelli. Il calciatore rossonero viene continuamente beccato da un goliardico coro “Mario! Mario! Mario!“, che sicuramente ha avuto un impatto pesante sulla sua gara.

Balotelli ci prova in tutte le maniere ma trova un grandissimo Rafael e, quando il Verona la ribalta con una grande doppietta di Toni, lui crolla come il Milan. Risultato clamoroso, che sarebbe potuto anche essere anche più largo se anche Daniele Cacia avesse trovato gloria su quel diagonale. A fine partita un cinico Donati si dirà piuttosto disinteressato sulla situazione di Balotelli. Hellas Verona-Milan 2-1.

Sabato 30 maggio 2015, ultima giornata di campionato, il Verona si toglie un’altra grandissima soddisfazione ai danni di Massimiliano Allegri. La Juventus, già campione d’Italia ma prossima a sfidare il Barcellona in finale di Champions League, trova il vantaggio con Pereyra a fine primo tempo.

L’Hellas risponde a inizio ripresa con Luca Toni, di testa, ma subito i bianconeri raddoppiano con Llorente. A quel punto un eroico colpo di testa di Juanito Gomez, a tempo scaduto, fa esplodere il Bentegodi in un’esultanza euforica e scatenata: Hellas Verona-Juventus 2-2.

Più amara vista l’imminente retrocessione, ma con l’emozione dell’addio al calcio di un campione, la vittoria per 2-1 dell’8 maggio 2016 sulla Juve: doppio vantaggio gialloblù con il rigore a cucchiaio del protagonista Luca Toni e con la fucilata di Federico Viviani; infine il rigore di Dybala accorcia ma vince il Verona.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti