Resta in contatto

Approfondimenti

Maran e i suoi precedenti contro l’Hellas: un equilibrista

Maran Chievo Verona

Mercoledì 29 novembre, in occasione del quarto turno eliminatorio di Coppa Italia, l’allenatore del ChievoVerona Rolando Maran affronterà per la quattordicesima volta l’Hellas, la terza squadra contro cui si è sfidato più volte.

I 13 precedenti parlano di un saldo perfettamente in equilibrio: 4 vittorie, 5 pareggi e 4 sconfitte, ma visto che mercoledì una delle due verrà eliminata un nuovo peso sposterà la bilancia da uno dei due lati.

Un confronto che lo vede seduto sulla panchina di ben 5 squadre diverse, anche se la maggior parte dei precedenti li ha affrontati da clivense. Il primo incontro risale all’agosto 2002, l’unico precedente di Coppa Italia fra Hellas e il Maran allenatore: finì 1-0 per i gialloblù sul Cittadella, grazie al gol di Massimiliano Vieri.

Maran riprende il discorso durante la Serie B 2005/06, quando alla guida del Brescia ottiene un pareggio per 0-0 e una vittoria per 3-2 contro gli scaligeri. Quel trionfo arrivò fra le mura amiche del Rigamonti nonostante un’espulsione al 34′ di Mareco, ma la doppietta di Possanzini e il gol di Piangerelli vanificarono le reti di Adaílton e Italiano.

Ci pensa Marco Ferrante, con uno dei suoi pochi gol in gialloblù, a punirlo la stagione successiva: 1-0 al San Nicola di Bari, con l’attuale allenatore clivense esonerato dai pugliesi dopo altri tre risultati negativi.

Maran ed Hellas Verona si ritrovano, dolorosamente, nella stagione di Serie B 2011/12. Durante la regular season i gialloblù strappano 4 punti al Varese, grazie anche al 3-0 del Bentegodi in cui segnano Maietta, Nicola Ferrari e Gómez, ma nei due incroci più importanti, quelli dei play-off, il Verona deve arrendersi non senza polemiche.

Poi c’è il ChievoVerona, con cui l’Hellas, a partire dalla stagione 2013/’14, quella cioè dell’arrivo di Rolando Maran, ha un saldo negativo. Sono infatti 4 i pareggi, 2 le sconfitte e 1 sola la vittoria, quella della gestione Delneri con il 3-1 firmato da Toni, Pazzini, Ioniță e per i clivensi Pellissier.

Un equilibrio che però, come detto, è destinato a spezzarsi, facendo inarcare le labbra di Maran o in un sorriso o in una smorfia infelice. Chi vince mercoledì andrà ad affrontare il Milan agli ottavi di finale di Coppa Italia, traguardo mai raggiunto dall’allenatore del Verona Fabio Pecchia.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti