Resta in contatto

Hellas Verona Women

Women, Oliva: “A Verona sto benissimo. Sogno la Nazionale”

La giocatrice gialloblù si è raccontata a TuttoCalcioFemminile: argomento principale l’Hellas, ma non si è parlato solo di questo

Dai primi calci al sogno Nazionale, è una Eleonora Oliva a 360° quella raccontatasi ai colleghi di TuttoCalcioFemminile: la giocatrice gialloblù durante l’intervista ha infatti ripercorso i passi della propria carriera, parlando poi ovviamente a lungo di Hellas.

Di seguito, dunque, le sue principali dichiarazioni.

IL CALCIO. «Mio padre ha sempre giocato a pallanuoto e mia madre faceva ginnastica, ma io sono nata con la passione per il calcio e ho sempre voluto giocarci. Ho iniziato con i maschietti e da lì, salvo una pausa di due anni, non ho più lasciato. Fare l’allenatrice in futuro? Mi piacerebbe, ma c’è tempo!».

IL RUOLO. «Mi è sempre piaciuto giocare difensore centrale, però siccome corro tanto i miei allenatori mi hanno schierata anche come terzino o come esterno nel centrocampo a cinque. Diciamo che mi trovo bene in tutti i ruoli, ma preferisco giocare dietro. La mia caratteristica più importante? Ho tanta grinta e poi cerco sempre di giocare il pallone, non mi piace calciarlo lungo».

LA SERIE A. «Il salto tra Serie B e Serie A è importante, però io ho tanta voglia di migliorare e di imparare, soprattutto dalle più esperte e da chi lo fa per mestiere. Cambiano tante cose sia a livello tecnico-tattico che di mentalità. Ho trovato un livello alto, ma immaginavo sarebbe stato così, e a livello personale mi sento molto migliorata. La squadra chi mi ha stupita di più e quella che ha reso al di sotto delle aspettative? In primis sono stata stupita da noi stesse, mentre tra le squadre “in alto” sono rimasta impressionata dal Sassuolo. Riguardo alla seconda parte della domanda, non mi piace parlare male degli altri, però forse l’Inter, con le individualità che ha, avrebbe potuto fare qualcosa in più».

LA PROSSIMA GARA. «Contro il Napoli sarà come sempre una battaglia, anche se forse in questo caso lo sarà ancora di più perché è uno scontro ai “piani bassi” della classifica e noi, nonostante la salvezza già raggiunta, non vogliamo fare brutte figure. La stiamo preparando al meglio e daremo il massimo».

GLI OBIETTIVI. «Il Verona in vista dell’anno prossimo vuole mantenere la categoria e magari fare meglio di quest’anno: abbiamo un gruppo solido e che ha dimostrato di poter fare bene, quindi cercheremo di alzare ulteriormente l’asticella. A livello personale, invece, mi piacerebbe vestire la maglia della Nazionale, credo sia il sogno di ogni atleta rappresentare il proprio Paese».

L’HELLAS. «A Verona mi sono trovata molto bene sia a livello di squadra e gruppo che a livello di città. Il mister è molto preparato sia a livello tecnico-tattico che a livello caratteriale, ha polso e sa come gestire la squadra, ma tutti siamo stati importanti: allenatore, staff e giocatrici.  Il futuro? Vedremo, non me ne occupo io».

LA STAGIONE. «Quest’anno abbiamo avuto molti problemi, anche legati al Covid, ma la squadra è stata brava a restare unita anche quando mancava più di metà squadra. Anche contro le “big” abbiamo fatto molto bene, come dimostrano i sei punti presi contro Roma e Fiorentina».

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Allora resta.

Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!
Advertisement

Altro da Hellas Verona Women