Resta in contatto

Rubriche

Verona-Genoa 0-0, le pagelle gialloblù di CH

Gli uomini di Juric smuovono la classifica al termine di una partita tutto sommato ben giocata: ecco i nostri giudizi

È tutto sommato una buona prestazione quella messa in campo questa sera dal Verona: i gialloblù, soprattutto nel primo tempo, contro il Genoa sono infatti stati piuttosto propositivi e non hanno rischiato granché.

Con questa premessa, andiamo quindi a veder le pagelle dei gialloblù.

SILVESTRI: 6,5. Un solo “vero” intervento, ma decisivo: al 33′ infatti salva tutto su Pandev.

CECCHERINI: 6. Poco sollecitato dagli avversari, ma buon debutto per il difensore arrivato dalla Fiorentina.

LOVATO: 6,5. In velocità non sarà un fulmine, ma quando pianta i piedi per terra e sfrutta il fisico è difficile competere. Qualche sbavatura, ma prova tutto sommato positiva.

EMPEREUR: 6. Anche lui contribuisce a contenere gli attaccanti rossoblù.

FARAONI: 6. Meno vistoso rispetto al solito, ma va vicino al gol e strappa la sufficienza.

VIEIRA: 6,5. Dovrebbe essere quello che fa legna, ma in realtà è quello che le prende: su di lui due falli “da arancione”. Il buon Ronaldo, comunque, si rialza sempre.

ILIC: 6. Parte bene, si spegne un po’ alla distanza. Prova comunque sufficiente.

LAZOVIC: 5,5. Si accende un po’ nel finale, ma non basta per la sufficienza.

TAMEZE: 6,5. Recupera un enorme numero di palloni ed è anche piuttosto propositivo. Buonissima prova per il numero 61 gialloblù.

COLLEY: 6,5. Frizzante, guizzante, a tratti imprendibile: un esempio è quando si fa una settantina di metri palla al piede trovando poi una conclusione pericolosa.

FAVILLI: 5,5. Cerca sempre la lotta, probabilmente anche quando non serve. Alla fine viene giustamente sostituito.

KALINIC: 6. Entra bene e regala un paio di spunti interessanti. Attendiamo che abbia più minuti nelle gambe.

DIMARCO: 6. Anche per lui un buon impatto sulla gara e un cross interessante per Salcedo.

SALCEDO: 6. Appena entrato rischia di trovare un pesantissimo gol dell’ex: Perin gli dice di no.

ZACCAGNI: 6. Entra con voglia di fare e si procura una buona punizione.

JURIC: 6. Si arrangia con quello che ha. Magari si sarebbe potuto vincere, ma alla fine smuovere la classifica non è mai male. Nota di merito per essere rimasto in maniche corte in una serata tutt’altro che calda.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ma ze non ghe che le fraca dentro, non se vinse

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Rubriche