Resta in contatto

Approfondimenti

Pazzini: i pro e i contro di una cessione annunciata

Pazzini Verona

Giampaolo Pazzini se ne va. Giocherà in prestito al Levante almeno fino a giugno. La scia già dietro di sé, insieme alla moglie Silvia Slitti, un sacco pieno di letterine, nemmeno fosse stato il Babbo Natale del Verona. Già perché quelle che una volta erano lettere, oggi si chiamano like o commenti e tante, tantissime condivisioni.

PERCHÉ ERA GIUSTO PRIVARSENE. Pecchia e Fusco non hanno mai amato il Pazzo. Se lo sono ritrovati sul conto di un’annata già disastrosa. Quella 2015/16. Ricostruire tutto o quasi e convincere Pazzini a fare la boa centrale fra i cadetto da dove mancava da 11 anni. Il Pazzo l’ha fatto ed anche bene. La gente si è affezionata a lui ma non sono bastate 23 reti e il titolo da capocannoniere. Troppo alto il suo ingaggio in Serie A, ben due milioni a stagione. Troppo datato, per la coppia del tiki-taka gialloblù, il suo calcio fatto per lo più dentro i sedici metri. Meglio ridimensionarlo e cercare di cederlo. A questo punto meglio così con il Pazzo che giocherà contro Messi e Ronaldo e Setti che risparmierà da qui a giugno qualcosa come due milioni lordi

PERCHÉ PUO’ ESSERE UNO SBAGLIO. Innanzitutto nella contestazione continua a Setti, Pecchia e Fusco c’è molto del caso Pazzini. Un giocatore che è stato gestito male dal ds e dal tecnico e ignorato da Setti. I tifosi l’hanno capito. Come hanno capito che Pazzini non ha fatto polemiche ed ha sempre dato il massimo pur partendo dalla panchina. Adesso il Verona si affida al solo Kean, perché Petkovic di gol non ne ha mai segnati molti. Kean a fine febbraio compirà 18 anni. Secondo voi è abbastanza matura per segnare almeno altre otto o nove reti per centrare la salvezza con il Verona? E poi a giugno ci sarà ancora Pazzini ma cosa accadrà?

PAZZO BESSA. Non tanto Daniel (a lui un grosso in bocca al lupo per l’avventura col Genoa) ma pazzo al Verona. La formula del prestito ad un anno e mezzo con 1 milione intanto è molto naif, diciamo così. In questo caso però meglio togliere una bomba ad orologeria negli spogliatoio gialloblù e soprattutto altri 600mila euro di ingaggio più un milione di premio. E domenica arriva la Roma.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti