Resta in contatto

News

Bagnoli deciso sul caso Pecchia: “Se c’è unione non serve cambiare”

Bagnoli

L’ex centrocampista gialloblù Osvaldo Bagnoli (tra gli eroi dello storico scudetto della stagione 1984/85) ha commentato in questo modo, ai microfoni del Corriere di Verona la questione di Fabio Pecchia: “Premesso che io non direi mai che c’è da cambiare una persona che fa il mio mestiere, se è stato tenuto è perché hanno fiducia in lui e perché vedono che lavora nel modo giusto. Le dico la verità: a me il Verona, con il Bologna, è piaciuto. Poi ha preso quei gol che l’hanno portato a perdere sebbene non lo meritasse.

Avanti con Pecchia, dunque? Non bisogna ragionare soltanto sulla base di una o più sconfitte. Ci sono degli aspetti da valutare che io non ho sotto gli occhi e che, invece, tocca alla nostra società prendere in considerazione. Il rapporto che l’allenatore ha con la squadra, quello che c’è tra i giocatori. Se non ci sono rotture, se si pensa che ci sia un’unione, cambiare non serve a molto. Salvezza? Nel 1989/90, ci si ricorderà che in estate la squadra venne cambiata per intero sul mercato perché c’erano delle questioni di bilancio da risolvere. Iniziammo con tanti problemi, i tifosi lo capirono e ci aiutarono molto. Retrocedemmo all’ultima giocata a Cesena, ma sempre lottando, e sempre ricevendo un grande sostegno. Non so come andrà il campionato del Verona, ma credo che ci voglia lo spirito di allora per cercare di farcela”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News