Calcio Hellas
Sito appartenente al Network

Pagellone di fine 2023, lo staff

Baroni e Sogliano, anche per evidenti limiti imposti "dall'alto", non hanno potuto operare al meglio delle proprie possibilità

Dopo un avvio di stagione di altissimo livello, il Verona si è impantanato e, come l’anno scorso, si ritroverà probabilmente a lottare fino all’ultimo per rimanere in Serie A.

Al termine del 2023, dopo sei mesi di gestione Baroni, è dunque giunto il momento di tracciare una prima linea e di dare una valutazione a quanto visto sin qui attraverso il nostro consueto Pagellone.

Dopo aver analizzato il rendimento dei giocatori, è dunque giunto il momento di chiudere dando un giudizio allo staff.

BARONI: 5,5

Il discorso da fare sul mister è piuttosto lungo, ma nemmeno troppo complicato. Preso in estate da un Verona che voleva definitivamente lasciarsi alle spalle il gioco “alla Juric”, a causa di una rosa incompleta si è trovato costretto a schierare una difesa a tre in cui evidentemente non crede e che per lui non è il miglior campo in cui districarsi. Il periodo iniziale l’ha inoltre visto cambiare diversi interpreti, ma aveva necessità di capire il materiale a disposizione. Il passaggio al 4-2-3-1 ha portato dei frutti decisamente migliori e, se non fosse per la tanta (troppa) imprecisione dei suoi a Firenze, al momento l’Hellas (almeno per quanto riguarda il campionato e la classifica), non navigherebbe in acque poi così torbide. Magari la palla lunga su Djuric non piacerà agli esteti del calcio, ma per loro ci sono il Barcellona e il Manchester City. Chiaramente non può essere sufficiente, però non tutte le colpe sono sue…

SOGLIANO: 5

Per lui vale bene o male lo stesso discorso fatto per Baroni. Le ristrettezze economiche dell’Hellas, certificate dalle notizie degli ultimi giorni, non gli hanno certo permesso di spendere e spandere e quindi lui ha fatto ciò che ha potuto con quanto messogli a disposizione. È però vero che il Verona è risultato carente in praticamente tutti i reparti (soprattutto per una squadra che avrebbe dovuto schierarsi con la difesa a quattro) e che tra gli acquisti estivi l’unico davvero azzeccato sembra essere Suslov. Le cifre che girano per i giocatori gialloblù sanno poi di svendita, ma anche in questo caso è chiaro che le altre società, conoscendo la situazione economica dell’Hellas, lo abbiano di fatto messo alle strette senza che lui potesse fare granché… Vediamo cosa riuscirà a fare in un mercato invernale che si preannuncia difficilissimo.

 

Per il Pagellone dell’attacco, clicca QUI!

Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Baroni non ha coraggio per cercare di vincere le partite e’ un perdente e lo dimostra ogni Dominican, non sa leggere le partite

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Setti è il cancro del Verona ed il cancro o si estirpa o fa morire tutto il resto…..E i giornalisti muti, anzi ad applaudirlo, a giustificarlo e a scodinzolargli dietro!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

🤔👽👽👽🤔

Stefano
Stefano
1 mese fa

E la pagella alla società?
Setti 0
Gioe 3

Articoli correlati

Serdar il migliore in una partita opaca decisa da un'uscita sbagliata di Montipò...
L'Hellas trova un buonissimo punto contro la Vecchia Signora. Folorunsho fa il fenomeno, ma bene...
Il Verona non strappa applausi, ma alla fine trova un punto che smuove la classifica...

Dal Network

L'espulsione a tempo sarà testata in Inghilterra, ma Ceferin non è convinto e la FIFA...
Verona beffato: il difensore sta per diventare un giocatore granata...
Calcio Hellas