Resta in contatto

News

Samuel Di Carmine vince il “Sante Begali”

L’attaccante ha ricevuto il premio questa mattina durante la cerimonia tenutasi nella sede del Verona

Si è tenuta questa mattina in via Belgio la consegna del Premio Sante Begali: a trionfare in quanto giocatore gialloblù più corretto è stato Samuel Di Carmine (0 ammonizioni in 23 presenze), ma a ricevere un riconoscimento (per la categoria “Gli indimenticabili“) è stato anche Gigi Sacchetti.

Presenti all’evento, oltre ovviamente al direttore operativo Francesco Barresi, anche Osvaldo Bagnoli e Piergiorgio Begali, figlio di Sante, il quale è stato chiamato dai colleghi di Hellas Channel a spendere due parole sul premio e sui play-off che attendono i gialloblù, argomenti dei quali hanno parlato anche i due vincitori.

Di seguito, dunque, le principali dichiarazioni raccolte dal canale tematico gialloblù.

PIERGIORGIO BEGALI. «Sono molto felice di essere arrivato fino alla decima edizione tutto questo è stato possibile grazie al costante supporto dell’Hellas Verona e del Gruppo Athesis nella costruzione del progetto. Di Carmine ha appena segnato una doppietta decisiva, Sacchetti è un grandissimo ex che per caratteristiche in campo mi ricorda mio padre. Speriamo tutto questo sia di buon auspicio per i play-off che l’Hellas si appresta a disputare».

SAMUEL DI CARMIN. «Per me la correttezza in campo è qualcosa di molto importante, noi calciatori siamo un punto di riferimento per tanti bambini che vengono a vederci. Sono molto contento di questo premio, racconta che tipo di giocatore sono. Play-off? Siamo una squadra forte e dobbiamo dimostrare di poterli vincere, noi siamo concentrati e con la giusta cattiveria possiamo dire la nostra».

Luigi Sacchetti: «È un grande orgoglio ritirare questo riconoscimento, Verona mi ha dato tanto e continua a darmi tanto. E poi sono molto felice, perché non conoscevo Sante Begali, ma da come ne parla Osvaldo Bagnoli era senza dubbio una grande persona, quindi sono onorato di poter ricevere un trofeo a lui dedicato. Gli spareggi? Il Verona ha il dovere di provarci, perché è una squadra attrezzata e perché il campionato che compete a questa piazza è quello di Serie A».

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News