Resta in contatto

Approfondimenti

L’effetto Caceres: e adesso chi sarà il terzino di ruolo?

L’addio di Martin Caceres era preventivato: si sapeva già dal momento della sua firma che quella in gialloblù sarebbe stata solo una breve parentesi prima di sposare il progetto Lazio. Questo, però, non gli ha impedito di entrare nel cuore dei tifosi con la sua professionalità e l’animo da guerriero.

Caceres è andato, e adesso il problema rimane: un problema che si era già presentato quando l’urugaiano era rimasto ai box a causa di problemi alla schiena…Il problema di un sostituto.

Sì perché il reparto difensivo del Verona non naviga in chissà che buone acque (non che gli altri reparti possano fare i salti di gioia), e meriterebbe una lunga, lunghissima riflessione di mercato. Alcuni giocatori hanno dimostrato di potersela cavare, si veda Alex Ferrari, rientrato discretamente dall’infortunio ma non ancora al 100%; la coppia Caracciolo-Heurtaux sa comportarsi bene, anche se a volte ci si trova davanti a svarioni dei singoli che francamente sono inconcepibili. Il vero, enorme problema è il ruolo di terzino: proporre Souprayen come sostituto di Caceres sembra un insulto, sia ai tifosi sia a chi segue il calcio, e non ce ne voglia il giocatore. Pensare che Fares, nato come esterno d’attacco, si debba adattare costantemente a fare un ruolo così delicato non è proponibile, anche perché verrebbero meno tutte le sue qualità.

Manca solo l’ufficialità per Boldor, che ha già iniziato ad allenarsi con la squadra. Bene, senza dubbio, anche vista la giovane età e l’idea del colpo in prospettiva. Ma per adesso? Perché non si vuole fare qui l’Avvocato del Diavolo, ma Boldor è un centrale. E quindi, in una scacchiera, continua a mancare l’alfiere sulla fascia.

Per ora il Verona non sembra intenzionato a muoversi in questa direzione, ma il mercato è ancora lungo. E se, per ovvi motivi economici, fino ad adesso si è puntato su giocatori che hanno voglia di rilanciarsi, è anche vero che per un ruolo così delicato servirebbe un investimento, anche minimo. Anche per dimostrare ai propri tifosi che la Società è lì.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Comparne uno no..??

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti